19 Set

I corsi sulla sicurezza del lavoro sono necessari per apprendere quali misure adottare per ridurre al minimo i rischi che possono incorrere durante lo svolgimento di attività lavorative.

Quali obiettivi si pongono i corsi sulla sicurezza del lavoro?

Tali corsi si pongono come obiettivo principale quello del miglioramento delle condizioni lavorative e dei luoghi di lavoro, per tutelare la sicurezza del lavoratore, di soggetti terzi che si trovino a passare sul luogo di lavoro, o dei collaboratori.

La tutela della sicurezza sul lavoro è stata trattata dal legislatore, in Italia, già nel 1955; i vari decreti legge che si sono susseguiti nel tempo, sono stati poi raccolti dal D. Lgs 106 del 2009, che ha recepito la normativa europea 123 del 3 agosto 2007, in materia di tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro. In seguito è stato emesso, il 9 aprile 2008, il “Testo unico sulla sicurezza del lavoro“, con d. lgs n° 81, in vigore da maggio 2008.

La formazione prevista in materia di sicurezza sul lavoro, ha la finalità di fornire conoscenze reputate necessarie per avere un panorama dei rischi relativi al lavoro nello specifico.

Le competenze che i corsi forniscono, riguardano anche il quadro giuridico relativo alla materia in oggetto, e la conoscenza dei dispositivi che il lavoratore ha a disposizione per salvaguardare la propria salute e per proteggersi.

Una sezione importante dei corsi è dedicata allo sviluppo di conoscenze relative l’analisi del rischio o emergenza, con i relativi comportamenti da adottare in tali situazioni.

A chi sono rivolti e chi ha l’obbligo di frequentare questi corsi?

I corsi formativi sulla sicurezza del lavoro sono obbligatori per le attività non individuali o familiari, a meno che queste ultime non abbiano dipendenti.

La frequenza ai corsi sulla sicurezza del lavoro è prevista per il “Responsabile Prevenzione e Protezione”, secondo quanto stabilito per legge, dal 1 gennaio ‘97; il corso ha una durata di 16 ore e il titolo conseguito va spedito all’Azienda Sanitaria Locale, oltre che allIspettorato del Lavoro.

Inoltre, i lavoratori possono procedere alla nomina di un loro “rappresentante”, che si occupi di seguire le problematiche relative alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. In questo caso il corso ha una durata di 32 ore ed il costo è a carico del titolare.

La sicurezza sul lavoro è una materia che sta entrando nella coscienza comune in Europa; per questo motivo, sarebbe opportuna, secondo buon senso, la frequenza dei corsi sulla sicurezza del lavoro anche se non si appartiene alle categorie obbligate alla partecipazione.

La formazione in questo senso, per titolari, dipendenti o collaboratori esterni, si rivela interessante e molto utile per comprendere i rischi e capire quali comportamenti assumere nel caso ci si trovi davanti a situazioni di crisi, emergenza, o semplicemente si passi in un luogo dove si stanno svolgendo dei lavori.

Assoservizi opera nel settore della sicurezza sul lavoro e si occupa di tutte le tematiche normative, tecniche, amministrative e istituzionali che riguardano tale materia.